TABULA FATI

Catalogo



COLLANA

Collezione Giallo



L'AUTORE

Bio-Bibliografia



LE OPERE

Calumnia

Un mazzo di gerbere

I gemelli di Caere



BLOG

L'investigatore privato di provincia



TRSP-Tuttolibri

Video-intervista







Fabrizio Cordoano

UN MAZZO DI GERBERE




Un mazzo di gerbere

     L’omicidio feroce della donna che pedinava per conto del marito getta Fabrizio Bono nello sconforto. Il senso di colpa lo attanaglia per non essere stato capace di prevedere le mosse di un assassino che miete vittime con una frequenza allarmante.
     Chi è quell’uomo con la faccia di una formica?
     Cosa significa il disegno rinvenuto nell’agenda di una delle donne ammazzate?
     Quale è il significato del rituale raccapricciante che segue l’uccisione?
     E perché gli sembra di essere il pesce più grosso della rete del serial killer?
     Il maresciallo Marella, titolare dell’inchiesta, lo vuole al suo fianco. La loro assodata amicizia è il salvagente a cui aggrapparsi per risalire dal buio profondo in cui sta precipitando.


     Erano le dieci di una fredda serata di ottobre. Cercava di immaginare il volto di quell’uomo minuto che ora stava con la moglie del suo cliente; non aveva fatto in tempo a coglierne i lineamenti, né tantomeno a scattare delle foto o a rilevare la marca della macchina, ma era certo che nel momento in cui i due avrebbero lasciato il loro rifugio avrebbe potuto rifarsi.
     Come avrebbe reagito il marito? Anche se si era rivolto a lui per avere conferma ai suoi sospetti, non gli pareva pronto ad accettare quello che gli avrebbe raccontato…
     Erano passate tre ore, e molti mozziconi di sigaretta avevano riempito il suolo ai suoi piedi; l’attesa lo stava sfiancando in quell’umidità insopportabile. Provò a sedersi, salendo sulla sbarra del guardrail, ma si accorse che in quella posizione non vedeva l’ingresso; si rimise in piedi e appoggiò una mano alla lamiera di ferro in modo da garantirsi un minimo di sostegno.
     Accese l’ennesima sigaretta, aspirò una lunga boccata e rimase a guardare il fumo che aveva fatto uscire e che saliva alto nel cielo; fu proprio allora che udì l’abbaiare di un cane e nello stesso istante la porta cigolò appena per far uscire l’uomo, che appena fuori procedette a passo svelto.




Copertina di Vincenzo Bosica

[ISBN-978-88-7475-265-2]

Pag. 152 - € 12,00



Ordini


Iscriviti alla nostre